Centro Manipura, via Citolo da Perugia, 26 - 35138 Padova
tel. 049 651601




Centro Manipura

Home

 

Massaggi Bioenergetici

 

Da non perdere

 

Accademia KaraKorum: Percorso formativoAyurveda

Yoga/Shiatsu/MTC e Insegnanti Yoga


Corsi
  - Yoga

  - Accademia

     Shiatsu

  - Accademia

     Ayurveda

  - Corsi per

     massaggiatori

 

  - Altre discipline


  
Seminari


Serate Culturali
  - Musica Indiana
  - Conferenze
  - Danza Indiana

 

Viaggi Manipura

 

Contatti

 

Porte aperte

 

Offerte di Lavoro








 MERCOLEDI' 27 FEBBRAIO 2019

SPETTACOLO DI DANZA INDIANA KATKAK

con la

con la Danzatrice Indiana

 Sudeshna Maulik

accompagnata dalla voce dell'Indologa e Cantante di Musica Indiana

Marged Trumper

e

VENERDI' 01 MARZO  2019

WORKSHOP di

 DANZA INDIANA KATKAK

con la Danzatrice Indiana

 Sudeshna Maulik

Avremo il piacere di ospitare la danzatrice indiana internazionale di danza kathak Sudeshna Maulik, allieva del leggendario pt. Birju Maharaj con una performance di kathak il 27 febbraio alle 20.30 presso il centro Manipura: introduce e fa da interprete l'indologa e cantante Marged Trumper, che accompagnerà anche alcuni pezzi dal vivo al canto indostano e tanpura.
 

INOLTRE Venerdì 1 marzo, invece, è previsto il Workshop di abhinaya per canto thumri sulla gestualità espressiva in accompagnamento al testo cantato. La talentuosa Sudeshna ci svelerà i segreti dell'espressività di mani e viso della danza indiana per ritrarre i vari significati di un testo del genere thumri. Non occorre avere già esperienza particolare di danza o canto, ideale per danzatori, attori e cantanti.

Marged Trumper insegnerà in accompagnamento un testo cantato tradizionale.
Per maggiori informazioni contattare holikarang@gmail.com (Marged Trumper) o il Centro Manipura.

Sudeshna Maulik: danzatrice professionista indiana di danza kathak attualmente residente in Canada, che si è esibita in tutto il mondo dal Nord America all'Europa all'Asia. La sua tecnica raffinata è frutto di uno studio meticoloso sotto la guida inizialmente del noto maestro Chitresh Das fin dall'età di 7 anni. Ha proseguito la sua formazione presso il prestigioso Bhartiya Kala Kendra di Nuova Delhi e poi presso il Kathak Kendra, sotto la guida del leggendario Padmavibhushan Birju Maharaj, maggiore esponente vivente di danza kathak e del lignaggio tradizionale dei fondatori dello stile di Lucknow. Da alcuni anni Sudeshna è parte della compagnia Kadamb di Kudumini Lakhia, che le ha permesso di approfondire le sfumature dell'arte kathak in chiave più moderna. È così riuscita a combinare più stili fondamentali ottenendo una sua identità stilistica peculiare, che l'ha portata a esibirsi in tutto il mondo grazie alla ICCR, l'ITDC e compagnie di danza internazionali. È una artista ufficiale della televisione nazionale indiana e ha danzato con le compagnie di Pt. Birju Maharaj, Kudumini Lakhia e Aditi Mangal Das. Rinomata in India, ha tenuto performance in Russia, Cina, Taiwan, USA e in tutta Europa dando anche varie dimostrazioni e tenendo workshop. Attualmente vive a Montreal dove collabora con le realtà artistiche più prestigiose canadesi. È inoltre organizzatrice di un importante festival di danza Quebasie Festival a Montreal. Ha ricevuto vari riconoscimenti e borse dal governo canadese per la sua attività artistica.
Maggiori info sul sito ufficiale
 
sudeshnamaulik.com

Danza kathak
È la danza classica dell'India settentrionale, che ha origine nelle danze devozionali dei leggendari kathaka, cantastorie antichi (dal sanscrito katha, storia). È stata stilizzata nella forma attuale nelle corti Mughal del nord India dove ha raggiunto l'attuale sublime raffinatezza in combinazione con il canto indostano. È caratterizzato da un vivace gioco di passi ritmici e pirouette (chakkar) sottolineati dalle cavigliere adornate di campanelline e dalla delicata espressività gestuale degli abhinaya, che dipingono le storie dei testi cantati arricchendole di sfumature emotive diverse. Serata di danza kathak con Sudeshna Maulik e la partecipazione dell’indologa e cantante Marged Trumper (canto, interpretariato e presentazione). https://youtu.be/DEsuRyTA6hg

Workshop di abhinaya in thumri (espressione gestuale del testo cantato) con Sudeshna Maulik e la partecipazione di Marged Trumper (canto)
Verranno apprese le modalità di rappresentazione gestuale del testo secondo l'estetica della danza kathak basandosi sul canto romantico del genere vocale indostano (nord India) thumri. Si imparerà un semplice testo e la sua elaborazione espressiva sui temi tradizionali, mitologici e mistico-romantici. Workshop adatto a danzatori e cantanti, anche non esperti.

Marged Trumper 
Indologa e cantante di canto indostano, allieva di Sunanda Sharma e della leggendaria Girija Devi, specializzata in canto semiclassico femminile thumri, insegna canto indiano e teoria della musica indiana al Conservatorio di Vicenza. La thumri è un canto romantico con accezioni anche mistiche che si basa sulla separazione e unione degli amanti, con grande importanza del testo poetico e dell'espressività.


LE DANZATRICI E MUSICISTI CHE IL CENTRO MANIPURA HA OSPITATO NEL CORSO DEGLI ANNI


Spettacolo di danza classica indiana nello stile Bharata Natyam, ispirata alla poetica indiana e all’iconografia induista classica. Musiche classiche e popolari dell’India del Nord nello stile noto come Hindustani 

ALESSANDRA PIZZA : Bharata Natyam

PAOLO AVANZO : Sitar

DANIELE DUBBINI : Bansuri

STEFANO GRAZIA : Tabla

 

Il Bharata Natyam è lo stile più antico di teatro-danza dell’India. Le sue origini risalgono addirittura al secondo millennio a. C. e il suo repertorio si fonda sulla ricca e complessa mitologia hindu, in cui le gesta degli dei vengono riproposte con un preciso linguaggio corporeo. La tradizione conferisce a questo stile coreutica origini divine e, non a caso, in India una delle divinità più importanti (soprattutto nel sud del subcontinente) è Shiva in veste di danzatore cosmico, ossia Shiva Nataraja, il Signore della danza. Tutt’oggi milioni di devoti non riescono a concepire la vita dell’universo senza l’energia sprigionata dalla danza del dio.

Il termine “natyam” in sanscrito significa danza, “bharata” è invece un acronimo delle tre parole Bhava (espressione), raga (melodia), tala (ritmo). Lo stile noto come Bharata Natyam è infatti una perfetta sintesi di questi tre elementi.

Tale disciplina è detta anche “yoga in movimento” poiché richiede la totale conoscenza del complesso psico-fisico, nonché concentrazione e dedizione. Alcune delle caratteristiche principali sono: la perfetta geometria delle linee del corpo, la velocità e la ricchezza ritmica, combinati con un elaborato linguaggio delle mani “mudra” e una raffinata mimica del volto.

Il Bharata Natyam è una disciplina complessa ed affascinante che conferisce una grande energia all’essere nella sua totalità.

(autore : Alessandra Pizza)

La musica classica indiana del Nord (Hindusthani)

La musica in India vanta un’origine millenaria e da sempre è stata fonte di ispirazione religiosa e spirituale che grandemente ha influenzato non solo il repertorio semi-classico e popolare, ma anche la stessa musica classica. In particolare nell’India del Nord si è avuto un grande arricchimento dall’incontro tra la tradizione arabo-musulmana di provenienza persiana e la tradizione induista millenaria che, a partire dai primi secoli del primo millennio d.C. ha dato origine al genere cosiddetto Hindusthani.

La forma musicale classica indiana è quella del Raga, ovvero di una
struttura modale altamente codificata, dove le note sono selezionate e poste in posizione gerarchica fra loro, in funzione della loro espressività.

Tutto cio’ al fine di consentire il prodursi di un’atmosfera, un’emozione (RASA) Secondo i trattati indiani del periodo medioevale, il Raga è ciò che “colora la mente”. Per questo i Raga, secondo la musicologia indiana, sono assimilabili a delle vere e proprie identità, e a volte vengono immaginati come esseri umani o divini, collocati in ambienti che suggeriscono l’atmosfera che essi creano.
Normalmente l’esecuzione di un Raga prevede una parte introduttiva, nota come “Alap” o preludio, dove l’esecutore espone le note del Raga all’ascoltatore, creando quindi gradualmente l’espressione e l’atmosfera del concerto. Subito dopo la parte introduttiva vengono eseguite le vere e proprie composizioni musicali, accompagnate dallo strumento a percussione, i tabla, che danno il fondamentale sostegno ritmico alla composizione all’interno di una struttura codificata nota come “Tala”.

(autore : Stefano Grazia)

 



Barbara Zoletto e Saroja Mani

La danza Bharata Natyam ha origine antichissime. Essa nasce nel sud dell’India più di 2000 anni fa. Ancora oggi racconta attraverso la gestualità del corpo, la mimica del viso e il linguaggio delle mani, le antiche storie di impronta religiosa e mitologica che fanno parte della cultura classica indiana.

Il Bharata Natyam è una danza solista, la cui tecnica impegnativa richiede un lungo allenamento. Tutti i muscoli del corpo sono sollecitati, compresi quelli del viso, poiché l'arte dell'abhinaya, espressione delle emozioni e dei sentimenti, ne è una caratteristica essenziale.
Esige vigore, grazia e scioltezza dei movimenti, una grande resistenza fisica e un infallibile senso ritmico. I movimenti sono ampi e precisi, sempre simmetrici. Il vocabolario tecnico comprende dei salti, delle spaccate profonde, delle piroette e delle pose che richiedono un grande equilibrio.
Le danze possono presentare tre caratteristiche: danze di pura tecnica, nel solo scopo di procurare il piacere estetico attraverso la bellezza dei movimenti e la complessità dei ritmi; danze che esprimono uno stato d'animo, un sentimento; danze narrative dove l'artista mima con l'aiuto del linguaggio simbolico e gestuale delle mani, i mudra, gesta epiche e virtù del divino.
Così quest'arte ridà all'uomo il sapore della sua origine. Tutto nella danza dell'India è significato, profondo insegnamento, congiuntamente al piacere estetico e alla gioia che essa procura.
Essa è Conoscenza e la sua vera funzione è - attraverso la bellezza, l'armonia e con l'eco dei sensi - di risvegliare l'essere a sé stesso e di accordarlo così all'Universo.

Dove vanno le mani… lo sguardo le segue,
dove va lo sguardo… si dirige lo spirito,
lì, dove si posa lo spirito, si manifesta uno stato d’animo
dove si intensifica lo stato d’animo… nasce la gioia

Le interpreti

Saroja Mani ha iniziato a danzare all’età di 9 anni ed ha studiato nella scuola Kalakshetra in Chennai (Madras) per 4 anni. Ha danzato in numerosi luoghi del sud dell’India ed attualmente vive ad Auroville nel Tamil Nadu.
Barbara Zoletto da anni appassionata di musica classica indiana, canta e suona la tampoura. La sua formazione è avvenuta prevalentemente in India dove ha potuto studiare ed approfondire la tradizione musicale e culturale di questo Paese dall’insegnamento diretto di numerosi maestri di quest’arte antica.

Centro Manipura
Viaggiare dentro se stessi

Via Citolo da Perugia, 26
35138 Padova
tel. 049 651601


[Home]  [Corsi]  [Seminari]  [Serate Culturali

© Copyright Centro Manipura 2006. Tutti i diritti riservati.